Fudgella

4 novembre 2009 Media

Condé Nast ci ha tolto Gourmet Magazine e Ruth Reichl

Ruth Reichl

Photograph by Brigitte Lacombe

Gourmet Magazine ha chiuso.
Sono ancora in stato di shock. Ho avuto un ultimo mese incasinato sul lavoro, per cui non sono stata particolarmente dietro al caro mondo del food&wine. Ecco che oggi, per caso su twitter, scopro che il colosso dell’editoria Condé Nast, in forti ristrettezze economiche dovute alla ipercitata crisi dell’economia mondiale, ha fatto chiudere i battenti al mio beniamino. Così, senza avvertire. Ed è successo ben un mese fa. Nessuno mi aveva detto nulla. Mi vien da piangere.

Dopo un periodo di ammirazione da lontano, quest’anno a marzo la Madre mi aveva regalato l’abbonamento a Gourmet Magazine. Ero contenta matta, in tutti questi mesi ho aspettato con trepidazione l’arrivo del MIO giornale per corrispondenza: io mi sento abbastanza geek, per carità, ma niente batte il piacere della carta stampata. Volete mettere? Aspetti e aspetti vicino alla buca della posta e, quando finalmente arriva, togli il cellophane a quel libriccino colorato e pieno di foto stupende, ti sdrai sul letto e dici “non ci sono per nessuno”, mentre leggi le ricette e i servizi.

E ora tutto questo è finito. Continuo a non rendermene conto. C’è chi dice che dovevamo aspettarcelo, perché la carta stampata è indubbiamente in crisi da tempo, ma quelli di Condé Nast non potevano chiudere qualcos’altro? Gourment Magazine mancherà a tantissima, troppa gente, possibile che non l’abbiano capito?

Be Sociable, Share!

5 to “Condé Nast ci ha tolto Gourmet Magazine e Ruth Reichl”

  1. angela says...

    Ciao, rieccomi a ciacciare nel tuo bel sito!!! … il Natale è vicino, e come ti dicevo, vorrei sperimentare panettone e pandoro.. e ho pensato a te!
    Certo che è laborioso ma ce la farò.. metto a lavoro anche il mio maritino ( !!! ).
    Per il panettone non hai suggerimenti da darmi???
    Nella bibbia d’ oro che ho ricevuto in regalo lo scorso Natale nn c’ è traccia di ricetta…
    A presto
    Angela

  2. VanigliAli says...

    Eh Chiaretta.. e pensa che io l’ho scoperto altrettanto per caso un mesetto fa.. mi era venuta voglia di abbonarmi.. faccio un po’ di indagini.. ti stavo quasi per scrivere per chiederti la conferma ufficiale che ne valesse la pena.. prepagata alla mano.. articolo che annuncia la chiusura e che al massimo gli abbonamenti in corso sarebbero stati travasati su bon appetit! Baaaaaaah.. ed è un annetto che mi arriva la newsletter di Gourmet.. e finora, va ben che a volte si dà giusto un’occhiata per la fretta, non mi pare fosse menzionata…. così dal nulla! E noi bloggerini, o comunque appassionati, diciamo la nostra ma ormai questi così dal nulla, pouf, decidono di chiudere baracca e burattini perchè non hanno abbastanza finanziamenti pubblicitari.. boicottati sul web! Ri-baaaaaaaaah….. mi pare che qualcuno, tutto sommato, a cui piaccia la cucina, E LA CARTA, ci sia ancora….
    A-ri-ri-baaaaaaaaaah.
    Nin zò.. che fattacci..

    Speriamo in un rinsavimento tardivo e una riapertura magari.. quando sta maledetta scassaminchia di crisi comincia a rientrare .. (che sarebbe anche un poì ora!)..

    Baci cara!
    Sconfortata #2

  3. Fudgella says...

    Ciao Angela!!! Come vedi io per ora mi sono cimentata soltanto con il pandoro, ma ho visto che sul sito de La Cucina Italiana c’è la ricetta passo passo del panettone, vedi se ti ispira! http://www.lacucinaitaliana.it/default.aspx?idPage=2412 ciao ciao! :)

  4. Fudgella says...

    Tesoro non so che dirti… io davvero ci son rimasta malissimo, come te. Evidentemente la Condé Nast non sta andando per niente bene, ma fatto sta che questa perdita ha intristito tanta tanta gente in tutto il mondo :( speriamo che Ruth Reichl si metta a fare qualcosa di ganzo che arrivi anche a noi miserrimi europei! :) un bacino!

  5. imma says...

    ciao carissima finalmente ti si rivede!!!!allora adesso devo cambiare il tuo indirizzo sulla lista dei blog che seguo!!un bacio e ritorna ad impastare presto!!baci imma

Leave a comment